Cosmoprof 2015, la fiera della bellezza

cosmoprofworldwide

 

Si è svolta a Bologna dal 20 al 23 Marzo la 48° edizione di Cosmoprof Worldwide, l’evento leader mondiale dedicato alla Cosmesi in ogni suo settore.

Per l’ennesimo anno quella che si chiude è un’edizione record, con oltre 240.000 visitatori, un 20% in più rispetto all’anno scorso, di cui oltre 80.000 provenienti dall’estero.

Ed è proprio questa forte presenza estera il tratto dominante di questa edizione, che ha visto il 70% dei suoi quasi 2500 espositori provenire proprio dal resto del mondo. E’ senz’altro una vetrina importantissima che hanno saputo, a nostro parere, sfruttare al meglio, offrendo la possibilità di testare innumerevoli prodotti e di conoscere realtà che non possiamo trovare abitualmente nel nostro mondo, ma che oggi grazie al web possono essere facilmente raggiungibili da tutti.

Le rappresentanze di USA, Francia e Polonia, inoltre, hanno ricevuto la visita dei rispettivi Consoli in Italia, a dimostrazione del grande impatto che questa fiera ha in tutto il mondo.

L’internazionalità del Cosmoprof, poi, quest’anno apre idealmente a EXPO 2015, segnalando anche un rinnovato interesse dei mercati esteri nei confronti del nostro paese.

Questo evento è sempre carico di grandi novità e di progetti innovativi portati avanti sia da aziende giovani che da grandi aziende leader; quest’anno infatti si è visto il ritorno in grande stile di un colosso come L’Oreal, che ha organizzato una serie di veri e propri eventi legati all’hair style, di grandissimo impatto scenografico, anche se magari leggermente a scapito della “portabilità” dei look proposti, ma si sa, è uno show.

Anche in questa edizione, come nella precedente, è stato dato grande risalto ai prodotti naturali e biologici e alle politiche di sviluppo sostenibile, che hanno trovato grande riscontro nell’afflusso di visitatori nei padiglioni “green” della fiera. Interessantissimi i prodotti a base di olio d’oliva direttamente dalla Grecia, o quelli con i Sali del mar Morto da Israele, solo per citarne alcuni.

Come ogni anno, in concomitanza si è svolto anche Cosmopack, a dimostrazione di una manifestazione che copre ogni settore della filiera cosmetica, fino all’imballaggio e al confezionamento del prodotto finito. A settembre si avrà anche l’inaugurazione di Cosmopack New York, mentre restano immutati gli appuntamenti di Las Vegas e Hong Kong.

Come ogni anno, quindi, un successo maggiore dell’anno precedente. Unica nota, a nostro parere, negativa sono stati i numerosissimi stand vuoti e abbandonati già la mattina dell’ultimo giorno. Comprendiamo le difficoltà logistiche di chi deve fare ritorno nel proprio paese, magari molto lontano, ma non lo riteniamo un comportamento corretto nei confronti di chi paga un biglietto, nemmeno troppo economico, e che dovrebbe aver diritto allo stesso “spettacolo” dei giorni precedenti.

Arrivederci al 2016!

Nikla Baricordi