CFDA AWARDS: IL MEGLIO E IL PEGGIO DAL RED CARPET

Subito dopo i saldi del 70%, solo il red carpet riesce a risollevarmi il morale dopo una giornata estenuante di lavoro con annesso mal tempo.

Per mia fortuna ieri si sono svolti i CFDA Awards e questo ha significato due cose: red carpet con tanti outfit da analizzare, tante brutterie di cui ridere.

Partirei immediatamente con quello che è stato per me il più grande controsenso: Rihanna vestita SOLTANTO di swarosky che riceve il premio come miglior donna fashion dell’anno. Ecco, direi che ritirare un premio del genere, assegnato direttamente da Anna Wintour – nostra signora del male fashion – presentandosi totalmente nuda sia quasi incommentabile.

Poco importa se l’abito è preziosissimo e tempestato di swarosky. Sarebbe bastato aggiungere un velo di tessuto in più perchè fosse decisamente più sexy ed elegante.

Vediamo adesso gli IN&OUT dei CFDA.

IN

Chanel Iman indossa l’abito che io avrei visto benissimo su Rihanna, anche se una delle mie preferite è Hilary Roda, avvolta in un meraviglioso abito rosa strutturato e composto di diversi tessuti. Bellissimo anche l’outfit composto da gonna e camicia di Lya Kebede.

OUT

Le sorelle Olsen sono ormai una garanzia se abbiamo bisogno di un tutorial tipo “come invecchiarsi di almeno dieci anni utilizzando delle lenzuola drappeggiate alla bene e meglio su corpi esili e giovani“. Olivia Palermo è stata un po’ deludente, in questo completo che definirei old e banale. Spendo due parole su Blake Lively perchè bisogna che qualcuno le dica di smetterla di impersonare la fidanzatina d’America e cominci a sfruttare tutto quel potenziale di donna sexy che potrebbe avere. Per esempio, via quel cerchietto. Per dire.

Siete d’accordo con me? Chi sono le vostre preferite? Vi ricordo che adesso è possibile anche commentare con noi tutti i nostri articoli!